Pronti rinforzi anche per l’hinterland

I comuni del sud-ovest, dicono basta alla prostituzione. A seguito dell'incontro fra alcuni sindaci del sud-ovest milanese, ed il prefetto di Milano, Gian Valerio Lombardi, si è cercato di definire alcuni interventi per affrontare la recrudescenza del fenomeno della prostituzione. Un piano coordinato tra carabinieri e polizia locale garantirà la presenza delle forze dell'ordine sul territorio, sia di notte che di giorno. Centotrenta carabinieri in più per tutto il Milanese, un piano coordinato che coinvolge, accanto all'Arma, anche le polizie locali ed infine, lo sviluppo degli interventi di carattere sociale in favore delle vittime. L'idea è stata del sindaco di Locate Triulzi, Severino Carlo Preli, ma vi hanno aderito anche i comuni di Carpiano, Casarile, Lacchiarella, Melegnano, Pieve Emanuele e Opera. «Ho espresso - commenta il sindaco di Opera, Alessandro Ramazzotti - apprezzamento per il lavoro effettuato dal prefetto». Uno dei punti cardine dell'intesa riguarda il piano coordinato che coinvolge l'Arma dei carabinieri (di cui è atteso il potenziamento) e i comandi di polizia locale. Anche la Provincia parteciperà, mettendo a disposizione un fondo da un milione di euro.