«Pronti a tornare a Bagdad» Ambasciate per 7 Paesi arabi

Bagdad. Dopo la recente visita a Bagdad del monarca giordano Abdullah II e la relazione dell’inviato della Lega araba sullo stato della sicurezza in Irak, ben sette Paesi arabi si preparano a riaprire le proprie ambasciate. I Paesi che intendono ritornare in Irak sono l’Algeria, il Marocco, gli Emirati, il Bahrein, la Giordania, il Kuwait e la Siria. Queste nuove ambasciate potrebbero essere aperte già tra due mesi. «Il governo iracheno ha dato ampie rassicurazioni circa la protezione delle delegazioni diplomatiche - spiega una fonte diplomatica -. È allo studio la costruzione di un complesso nel centro di Bagdad dove far sorgere tutte le ambasciate che avranno un sistema di protezione dedicato». In questo momento ci sono a Bagdad 52 ambasciate, di cui solo quattro di Paesi arabi.