«Pronto, sono Bondi». Cofferati ci casca

Sindaci attenti, lo scherzo corre sul filo. Al telefono di Sergio Cofferati (nella foto) si è presentato ieri un sedicente Sandro Bondi. A lui il sindaco felsineo avrebbe risposto, a bruciapelo: «Credo che Casini non ci abbia mai pensato (a candidarsi, ndr) perché considera Bologna una realtà piccola per fare politica». Poi, quasi perplesso, ha chiesto: «Ma hai cambiato voce? Hai una voce strana» quasi toccato dal dubbio che Bondi non fosse... Bondi. E infatti, all’improvviso, i conduttori di Radio R101 che conducono il programma «La carica» sono scoppiati a ridere e hanno svelato lo scherzo. Dopo Chiamparino, Alemanno e Cacciari, è dunque Cofferati l’ultima «vittima». Lui che ingenuamente aveva esordito: «No, non mi ricandido, vado a Genova».