Propaganda jihadista, oscurati quattro blog

Uno era gestito dal Senegal dall'imam di Carmagnola, Abdul Qadir Allah
Fadl Mamour, espulso dall'Italia, un secondo è collegabile a sua moglie. Gli altri due erano curati da italiani con aperte simpatie per il radicalismo islamico

Verona - La polizia ha individuato quattro blog in cui erano espresse, in lingua italiana, interpretazioni estremistiche della religione musulmana, nonché palesi apologie della violenza come strumento di affermazione dell’islam. Sugli stessi erano pubblicati alcuni comunicati di Osama Bin Laden, Ayman Al Zawahiri e altri soggetti legati ad Al-Qaida, nonché proclami inneggianti alla guerra santa.

A conclusione delle indagini condotte dalla Digos di Verona in collaborazione con le questure di Firenze, Latina e Reggio Calabria, e del compartimento polizia postale di Venezia si è data esecuzione ad alcuni decreti di perquisizione a carico di cittadini italiani privi di specifici precedenti che sono stati denunciati in stato di libertà per il reato di "istigazione a commettere delitti di terrorismo".

Uno dei blog in argomento, attestato su server italiano, è risultato essere gestito - riferisce il comunicato - dal Senegal dal noto ex "Imam di Carmagnola", ovvero Abdul Qadir Allah Fadl Mamour, già espulso dal territorio nazionale. Un secondo blog è collegabile alla moglie di costui, che lo cura anch’ella direttamente dal Senegal.

Gli altri due siti, invece, erano gestiti da "blogger" italiani con aperte simpatie per il radicalismo islamico. I blog oggetto d’indagine - conclude il comunicato - sono stati contestualmente "oscurati" in esecuzione di apposito decreto di sequestro preventivo, emesso dal gip presso il Tribunale di Verona.