Proposta indecente Gli ultrà genovesi chiamano la polizia: «Volete aiuto?»

Aveva organizzato un’imboscata ai tifosi serbi insieme ad alcuni amici Mattia M., un diciottenne genovese arrestato martedì sera dai carabinieri per lesioni e resistenza a pubblico ufficiale e condannato a tre mesi di reclusione ieri mattina con rito direttissimo. Era armato di una spranga che è stata sequestrata e si accingeva ad aggredire alcuni supporter slavi. I suoi amici sono riusciti a dileguarsi mentre il diciottenne per sottrarsi al controllo ha colpito un militare al volto con un pugno. I carabinieri avevano organizzato vari servizi di controllo straordinari allo scopo di evitare scontri tra tifosi italiani e slavi.
Da sottolineare che nel corso della serata alcuni tifosi italiani hanno chiamato la polizia offrendo il loro aiuto contro i serbi. Naturalmente l’offerta è stata declinata.Non è detto quindi che alcuni di questi abbiano comunque deciso di farsi giustizia da sè.