La prossima novità? La fiera del gioiello

Paola Bulbarelli

Se è vero come è vero che Firenze cerca di fare le scarpe alla moda milanese che si svolge nei padiglioni della fiera, è forse altrettanto vero che Milano, a sua volta, cerca di portar via lo scettro di regina delle fiere della gioielleria a Vicenza.
Ecco infatti, che sulla scena meneghina nasce More cui segue nel logo, una M impreziosita da cinque stelle, la dicitura internazionale «jewellery and fashion accesories», con chiare intenzioni di collocarsi nei segmenti più alti del mercato. More è quindi un evento dedicato all’alta gioielleria che si presenta con una formula nuova per l’Italia, con caratteristiche uniche e originali, capace al contempo di parlare d’affari e di comunicare al consumatore i valori e lo stile del gioiello inteso come un oggetto prezioso ma anche di moda.
Organizzato da Fiera Milano International, More si svolgerà a Milano dal 17 al 20 febbraio 2006, nei giorni delle sfilate autunno/inverno di Milano Moda Donna. «Una fiera della qualità, ricerca, e innovazione, il luogo ideale per chi cerca nei gioielli forti emozioni», spiega l’exhibition director Marisa Corso. Le stesse emozioni che probabilmente trasmette la moda. Non un caso la concomitanza delle date, frutto di un accordo fra Fiera Milano International e la stessa Camera Nazionale della Moda. «Le sfilate - dice il presidente Mario Borselli - hanno da sempre una formidabile valenza di comunicazione e pensiamo che More, grazie all’indubbio contenuto di immagine e comunicazione della gioielleria, si gioverà dei riflettori puntati su Milano in quel momento».
Per ora però, le luci si accenderanno dal 30 settembre al 3 ottobre su Milanovendemoda, fiera del prêt-à-porter che porterà in scena le collezioni della prossima primavera-estate di oltre 300 marchi.