La prossima settimana la richiesta dei reperti

Ora che è stata riaperta l’inchiesta sull’omicidio della contessa Alberica Filo della Torre, avvenuto in una villa dell’Olgiata il 10 luglio del 1991, potranno essere richiesti a partire dalla prossima settimana i reperti su cui effettuare nuove indagini biologiche. Tra questi lo zoccolo con cui la vittima sarebbe stata colpita alla tempia, custodito a piazzale Clodio nell’ufficio «corpi di reato». La procura inoltre chiederà ai carabinieri la consegna del lenzuolo trovato sulla scena del delitto oltre che degli indumenti intimi indossati quel giorno dalla nobildonna romana. Una volta rintracciati i reperti saranno setacciati accuratamente alla ricerca di piccoli frammenti di materiale biologico che, grazie alle tecniche di ultima generazione, rendano possibile la ricostruzione del Dna. Per il momento, tuttavia, nel fascicolo aperto dalla procura non compare ancora nessun indagato.