«Al prossimo sindaco farò il baciamano»

«Stringere la mano al prossimo sindaco? Sinceramente spero di fare un baciamano, visto che potrebbe essere una signora. Ovviamente non Ombretta Colli». Bocciata la ex signora Provincia, spot per il ministro Letizia Moratti: veleno e un po’ di rancore nel personalissimo toto successore di Gabriele Albertini ieri pomeriggio, intervistato dal direttore del Tg4 Emilio Fede alle festa di Alleanza nazionale in Largo Marinai d’Italia. «Glissiamo» gli sussurra all’orecchio Ignazio La Russa. Ma non è facile. «Saranno i cittadini - affonda il sindaco - a valutare i suoi programmi e la stranezza di certi suoi comportamenti». Inevitabile parlare di bilanci. E allora sfilano il Polo esterno della Fiera a Rho-Pero («Due milioni di metri quadri, 42mila posti di lavoro»), la ristrutturazione con grattacieli del vecchio quartiere affidata a CityLife, la Scala («Ventisette mesi, un record e nonostante otto processi finiti in nulla»), la Città della moda, Santa Giulia, progetti per 35mila nuovi appartamenti. E, in coda l’«imboscata». Con La Russa e Giovanni Bozzetti che strappano al sindaco la promessa di un’altra notte bianca. Il 25 marzo, per festeggiare l’arrivo della primavera.