Prostitute per clienti facoltosi: manette ai titolari del William’s

Un blitz per far «saltare» un giro di ragazze che , secondo gli investigatori, si prostituivano per clienti facoltosi. Poi scattano le manette per i due titolari e i due presunti soci occulti del night William’s Club Le Roy. Suiccede tutto la scorsa notte la scorsa notte, a Milano in uno dei night club più famosi d’Italia. Le accuse a vario titolo sono di associazione per delinquere finalizzata allo sfruttamento della prostituzione e di violazione delle norme sull’ immigrazione.
Il locale, uno dei più noti night club d’Italia, non è stato posto sotto sequestro e l’attività prosegue normalmente. Gli arresti sono stati eseguiti dal Nucleo investigativo dei carabinieri del Comando provinciale di Milano che hanno eseguito quattro ordinanze di custodia cautelare. I due attuali titolari del Club, ritenuti semplici prestanome, sono stati posti agli arresti domiciliari, mentre i due ex titolari, rimasti come soci occulti e veri coordinatori di tutte le attività, sono statiportati a San Vittore. Erano infatti già stati arrestati in una precedente operazione antiprostituzione avvenuta nell’aprile del 2005. Entrambi condannati avevano poi beneficiato dell’ indulto. Donnine allegre per uomini dai portafogli gonfi di denaro. «Ragazze dell’est Europa assunte con il miraggio, di svolgere un’attività di puro intrattenimento artistico. E che poi venivano invece spinte a prostituirsi» spiegano i carabinieri della prima sezione del nucleo investigativo.