Protesta delle aziende Usa contro i report trimestrali

da Milano

Si intensifica la protesta del mondo economico americano sul tema della pubblicazione dei target sugli utili trimestrali. Alcune grandi società d'oltreoceano, insieme ad analisti finanziari e manager di fondi di investimento, hanno chiesto che cessi la pratica delle previsioni sugli utili trimestrali ritenendole lesive degli interessi degli azionisti. Attraverso un documento pubblicato dal Business roundtable institute for corporate ethic (Brice) e dal Cfa Institute, più di 80mila protagonisti del sistema economico d'oltreoceano hanno proposto di seguire l'esempio di società del calibro di Pfizer, Motorola e Intel, sostenendo che l'ossessione del management delle aziende sul raggiungimento dei target trimestrali non fa altro che danneggiare il valore delle imprese. L'ampia manovra di opposizione alla pratica di pubblicazione delle previsioni trimestrali sugli utili rappresenta una virata nelle relazioni esistenti tra il mondo corporate e Wall Street e potrebbe costituire un importante precedente per innescare un cambiamento nelle nomine e nelle valutazioni dei risultati messi a segno dai top manager.