Protesta delle scarpe contro Wulff per il mutuo di favore Aria di dimissioni

Due persone sono rimaste ferite ieri durante la manifestazione di protesta che si è svolta a Berlino davanti alla residenza presidenziale, il palazzo Bellevue. A rimanere feriti sono stati un agente e un manifestante quando un gruppo di dimostranti ha cercato di avvicinarsi alla residenza del presidente Christian Wulff. Brandendo scarpe in segno di protesta un gruppo di circa 300 persone si era riunito davanti alla residenza presidenziale per contestare il presidente - da settimane ormai al centro di polemiche e critiche per un credito agevolato ottenuto da una coppia di amici imprenditori quando era premier della Bassa Sassonia - e chiederne le dimissioni. La protesta, con lo slogan «Mostriamo le scarpe a Wulff - Shoe for you, Mr President», si ispirava ai numerosi episodi di contestazione che negli ultimi anni nel mondo arabo hanno fatto registrare «Il lancio di scarpe», tra questi quello famoso contro il presidente americano George Bush in Iraq.
Sul Palazzo Bellevue sventolava la bandiera tedesca, segno della presenza nella residenza del presidente. Ma Wulff non si è presentato davanti ai manifestanti. La stampa tedesca riferisce anche di una riunione dei vertici della coalizione di governo Cdu-Csu-Fdp, con la cancelliera Angela Merkel, leader dell’Unione cristiano democratica. La Merkel avrebbe discusso lo scenario di dimissioni di Wulff, con tanto di possibile successore.