Protesta Spintoni e insulti a Palmeri

Il Presidente del Consiglio comunale di Milano Manfredi Palmeri è stato insultato e spintonato da alcuni manifestanti vicino a piazza Duomo. È intervenuto per cercare di placare un diverbio tra il conducente di un’auto parcheggiata e un uomo durante la manifestazione dei lavoratori. Si è imbattuto in un gruppo di lavoratori in manifestazioni e racconta che il suo cammino è stato «impedito prima da una donna sui sessant’anni che mi ha aggredito, spingendomi e tentando di schiaffeggiarmi, insultandomi, poi da altri tre quattro uomini che mi hanno spinto via, anche loro allontanandomi dal luogo in cui mi stavo dirigendo». «La mia coscienza di cittadino mi aveva portato ad intervenire e il mio ruolo nell’amministrazione mi ha portato, paradossalmente, a lasciare la zona, anche per chiudere l’accaduto con lo spirito con cui è iniziato da parte mia: la volontà di abbassare i toni, o per meglio dire di farli abbassare. Si è trattato di un episodio spiacevole, di cui non avrei neanche parlato se non fosse successivamente intervenuta una comunicazione della Questura, della Prefettura e della stessa Polizia Municipale. Ho ricevuto e gradito una comunicazione che stigmatizzava l’episodio anche direttamente dalla Cgil. Non sporgerò comunque alcuna denuncia formale».