Protestano anche le prostitute: no alla legge sull’adescamento

Parigi. Il governo francese sotto accusa ieri anche in un’altra parte di Parigi: un corteo con circa 200 prostitute ha sfilato chiedendo l’abrogazione della legge sulla sicurezza interna che punisce l'adescamento passivo. Dietro lo striscione, «Marcia dell'orgoglio dei lavoratori del sesso contro la legge Sarkozy», le donne hanno percorso le vie del quartiere a luci rosse dirigendosi verso il Beaubourg. Portavano cartelli con le scritte: «Più carezze, meno celerini», «Legalizzare la nostra professione», «Adescamento passivo=repressione attiva». Le prostitute vogliono che sia cancellata la legge sulla sicurezza interna del 18 maggio 2003, che punisce l'adescamento passivo con due mesi di prigione e 3.700 euro di multa.