Protetti ma sfruttati

Nel paradiso dei lavoratori esiste solo il Sindacato unico creato negli anni Cinquanta dal partito Comunista, non per sostenere le rivendicazioni dei lavoratori ma per controllare che lavorino come si deve e non alzino troppo la testa. Lo Statuto dei lavoratori prevede il licenziamento immediato «per serie violazioni della disciplina del lavoro» senza spiegare quali sono. E non esiste nessuno standard per assistenza sanitaria, contributi pensionistici e sussidi di disoccupazione. I sindacati hanno il compito di proteggere gli investimenti stranieri e garantire lo sfruttamento della manodopera a basso prezzo. Devono cioè tutelare i padroni...