La protezione civile: «Non ci aspettavamo tutto questo caos»

Preparandosi a gestire il dopo-Katrina, le agenzie che coordinano gli aiuti di emergenza non avevano fatto i conti con la situazione di caos e anarchia che regna a New Orleans. Ad affermarlo in una serie di interviste rilasciate ieri è stato Michael Brown, capo della Fema, Federal emergency management agency, la protezione civile americana. «Prima dell’arrivo dell’uragano sono andato di persona a constatare che le squadre di soccorso fossero pronti. Ma l’assenza di legalità, la criminalità, ci ha colti di sorpresa. Questo ci addolora: è molto, molto frustrante». Secondo Brown, i problemi emersi sono derivati dall’assenza totale di comunicazioni. «La gente riceve gli aiuti necessari», ha comunque assicurato parlando con Nbc. Quanto alle polemiche sulla risposta federale alle emergenze, Brown ha preferito evitare di farsi trascinare nel dibattito: «Mi concentro sugli sforzi per salvare vite umane».