IL PROTOCOLLO

I controlli antimafia a Genova si estendono al piano triennale 2012-2015 dei lavori pubblici, le cui stime prevedono appalti per 80 milioni di euro. È il risultato del protocollo di legalità firmato ieri a Genova dal prefetto e dal sindaco. L’obbligo delle informazioni antimafia anche per gli appalti più piccoli e l’attivazione di un monitoraggio dei cantieri sul territorio saranno le due novità operative del protocollo portate avanti dalle forze dell’ordine.