Prove tecniche di guerriglia urbana

Guerriglia urbana a Centocelle. Gli attivisti di Forza nuova a cui ieri il questore Fulvi aveva vietato il comizio, si presentano ugualmente all’appuntamento e aggrediscono le forze dell’ordine. Cinque i manifestanti arrestati, un paio i poliziotti feriti, decine le persone identificate dagli agenti della Digos al termine degli scontri. Alle 17,45 un centinaio di ragazzi cercano di raggiungere piazza di San Felice da Cantalice (il luogo prefissato) con bandiere celtiche e striscioni da piazza delle Camelie, arrivando dalla via Casilina. Perentorio l’ordine ai carabinieri in tenuta antisommossa: «Non farli passare». I forzanovisti tentano lo sfondamento. Hanno già bloccato il passaggio del trenino Roma-Pantano. Una camionetta sbarra loro la strada mettendosi di traverso sul tratto morto dei binari: è il finimondo. Volano sassi, fumogeni, a terra i militanti di Roberto Fiore, anche lui rimasto contuso nei tafferugli, lasciano uno striscione con su scritto «Compra italiano» e i volantini che volevano distribuire. Poi fuggono lungo la Casilina, direzione centro. Altri scontri. «I carabinieri si sono mossi con l’ordine preciso di fare male e malmenare» ha dichiarato Paolo Caratossidis, coordinatore nazionale di Fn.

Annunci

Altri articoli