Provincia, ecco il «rimpastino» Panatta assessore allo Sport

Emanuela Ronzitti

Dopo la tempesta politica dei giorni scorsi torna il sereno sull’amministrazione Gasbarra. I venti di cambiamento preannunciati prima e durante le elezioni comunali nell’assetto governativo della Provincia di Roma hanno portato a un cambio di guardia all’interno della giunta. Sono quattro i nuovi volti in casa Gasbarra, quattro nuovi assessori, alcuni in sostituzione di chi ha preso il volo verso nuove orizzonti politici, altri invece come rimpiazzo di chi ha tentato senza risultato una nuova esperienza politica. Come nel caso dell’ex assessore Roberto Petrassi, autosospesosi per tentare (senza successo)la scalata al Campidoglio con la lista Moderati per Veltroni.
Nel turn-over della nuova giunta provinciale spiccano due nuovi assessori, l’ex tennista Adriano Panatta, al quale spetterà la delega allo Sport e ai grandi eventi e Patrizia Ninci, ex consigliere del XIII municipio e in quota Margherita, (sponsorizzata da Francesco Rutelli) che si occuperà del turismo, una materia che fino a ieri era gestita personalmente da Gasbarra. Una nuova giunta, almeno parrebbe, a più ampio respiro e che dovrebbe favorire un maggiore fair play tra i partiti. Ad aggiungersi ai due nuovi amministratori anche l’ex sindaco di Licenza Luciano Romanzi (Rosa nel Pugno) con delega al Personale, mentre alla Sicurezza ci sarà Elio Paluzzi, consigliere comunale di Tivoli in quota Italia dei Valori. Fuori Attilio Bellocci (ex dello Sport), Francesco Bozzi (ex Sicurezza), Antonietta Urbani (ex del Personale) e di Roberto Petrassi (ex Tutela), silurato dal suo partito dopo le polemiche dei giorni scorsi sulla sua richiesta di immediato reintegro a ruolo di assessore, subito dopo il suo fallimento alle elezioni comunali.
Il rimpasto di giunta, a detta di Gasbarra, sarebbe dipeso da «esigenze di diversa natura», esigenze che «sono state risolte lavorando con la coalizione per un ulteriore rifornimento di carburante e per completare il lavoro della Provincia». Inoltre, Gasbarra ha accentrato nelle mani di Claudio Cecchini, attuale assessore provinciale alle Politiche sociali, anche le deleghe per la Tutela dei consumatori, la Lotta all’usura e Rapporti istituzionali. Tra i molti fattori che hanno portato ad un nuovo riassetto gestionale pesano anche i molti nuovi ruoli istituzionali - alla Camera e al Senato - ricoperti da ex amministratori provinciali. «La Provincia ha trovato un nuovo ruolo in questi ultimi anni e senza complessi - sottolinea Gasbarra - tanto da offrire l’opportunità ad altre istituzioni di poter utilizzare la nostra classe dirigente». La presidenza ci tiene a sottolineare che nella scelta dei nuovi assessori i partiti non avrebbero subito alcuna pressione da parte dei vertici di Palazzo Valentini.
Nulla di invariato, invece, per Rosa Rinaldi, che proseguirà il suo operato nella doppia veste di vicepresidente della provincia di Roma e di sottosegretario al ministero del Lavoro.