In provincia di Latina tutto normale (o quasi)

Servizi essenziali garantiti a Latina e provincia nonostante lo sciopero dei tir. Il prefetto, Bruno Frattasi, ha spiegato che ieri mattina si è riunito il comitato per la sicurezza «per analizzare la situazione e adottare i provvedimenti necessari». Al primo posto la garanzia per le ambulanze di poter effettuare rifornimenti «c’erano delle cisterne ferme a Gaeta, le abbiamo scortate e portate nei distributori dove si forniscono i mezzi di soccorso che avranno così il necessario approvvigionamento». Non si registrano difficoltà, al momento, per i riscaldamenti in ospedali e scuole, molti con impianti a metano, né per i trasporti pubblici. Per quanto riguarda l’ordine pubblico prima della sospensione del blocco c’erano 5 presidi, due sulla Pontina ad Aprilia e Latina, uno sull’Appia a Latina Scalo, uno a Fondi nei pressi del mercato ortofrutticolo e uno a Gaeta al deposito carburanti. Nei negozi più piccoli scarseggiano latte e prodotti freschi, mentre i supermercati hanno ancora scorte sufficienti. La Prefettura ha attivato un numero per le emergenze: 0773-6584385.