Provincia di Milano: presentati i risultati di "RicollocaMI"

Successo per il progetto pilota finalizzato al reinserimento lavorativo. L'assessore Del Nero: "Bene la sinergia tra pubblico e privato"

Sono stati presentati nella mattinata di giovedì 14 luglio a Palazzo Isimbardi, sede della Provincia di Milano, i risultati conclusivi di "RicollocaMI", progetto, partito nel febbraio 2010, la cui realizzazione è stata resa possibile grazie alle risorse (oltre 1 milione e 200mila euro) provenienti dalle Agenzie per il Lavoro, da destinare ad azioni di formazione, aggiornamento professionale e accompagnamento al reinserimento lavorativo. Sono stati parte attiva, contribuendo alla riuscita del progetto, attori pubblici e privati, una rete importante anche per il numero di realtà coinvolte.
La prima fase del progetto si è avvalsa di un'indagine dell'Università Statale Bicocca sui trend occupazionali e dei dati dell'Osservatorio del Mercato del Lavoro della Provincia di Milano, che hanno permesso di identificare le qualifiche professionali più richieste dalle imprese. AFOL Milano, Azienda speciale provinciale, ha provveduto alla fase di reclutamento e individuazione dei potenziali partecipanti da selezionare tra lavoratori provenienti dalle liste di mobilità, cassintegrati per cessata attività e disoccupati di lunga durata (24 mesi) con immediata disponibilità al lavoro, ha effettuato screening e bilanci di competenza individuali e seguito la fase di accompagnamento al lavoro.
FormaTemp, promotore principale dell'iniziativa, ha coordinato la complessa attività delle Agenzie per il Lavoro e delle strutture formative, condividendo con AFOL Milano i passaggi organizzativi. Assolavoro e le organizzazioni sindacali CGIL, CISL e UIL, nell'ambito del Comitato di Pilotaggio, hanno supportato l'implementazione delle linee guida del progetto contribuendo in modo attivo e propositivo al raggiungimento dei risultati.
Le Agenzie per il Lavoro Adecco, Agenziapiù, Etjca, E-work, Gi-Group, Kelly Services, Maxwork, Metis, Oasi Lavoro, Obiettivo Lavoro, Orienta, Quanta, Randstad Italia, Risorse e Umana hanno finanziato il progetto organizzando percorsi formativi, di 60 ore ciascuno, indirizzati sia a ridurre lo sfasamento tra le competenze richieste dalle imprese e quelle possedute dai lavoratori, sia ad aumentare il grado di occupabilità dei singoli lavoratori.
La Provincia di Milano, a sua volta parte attiva del Comitato di Pilotaggio, ha contribuito incentivando le aziende a sostegno della stabilizzazione al termine dei percorsi di accompagnamento.
Attraverso il progetto, nato come esperienza pilota, quindi con carattere sperimentale, sono stati effettuati oltre 1.700 colloqui ai lavoratori potenzialmente coinvolgibili.
"L'importante risultato raggiunto, da un punto di vista generale, è aver dimostrato che le sinergie tra pubblico e privato funzionano e sono necessarie - commenta Paolo Giovanni Del Nero, assessore allo Sviluppo economico, Formazione e Lavoro della Provincia di Milano -. RicollocaMi è stato sicuramente un progetto complesso dal punto di vista operativo visto il numero dei soggetti e degli operatori coinvolti, dei quasi 10mila utenti interessati nelle varie fasi, dei 90 corsi da organizzare e monitorare".
La "macchina" organizzativa ha funzionato in termini di efficacia ed efficienza tali, portando a elevate percentuali di ricollocazione, grazie anche all'attività svolta dal Servizio IDO della Provincia di Milano, di AFOL Milano e delle Agenzie per il Lavoro, che FormaTemp ha utilizzato RicollocaMi come "progetto modello" da trasferire sul territorio nazionale.
"Con la ricollocazione del 41,9% dei partecipanti - spiega Claudio Azzolini, presidente di AFOL Milano - avvenuta in un momento di grandi licenziamenti da parte delle aziende, il progetto RicollocaMi si è dimostrato uno strumento valido ed efficace per rispondere alla crisi economica e occupazionale attuale. Sono soddisfatto per il ruolo attivo svolto da AFOL Milano che, con la sua esperienza e know how, ha contribuito al successo dell'iniziativa".
"I presupposti e gli esiti dell'iniziativa - conclude l'assessore Del Nero - ci indicano che dobbiamo continuare su questa strada migliorando, ove necessario gli aspetti operativi, affrontando la ripresa economica con un modello di supporto alla ricollocazione in grado di garantire, attraverso le sinergie tra pubblico e privato, una molteplicità di azioni finalizzate a rispondere sempre più, e sempre meglio, alle esigenze dei mercati locali".