Provincia Onorificenza per l’eroe di Treviglio

Una benemerenza civile alla memoria di Giacomo Burla, l’uomo che due giorni fa è morto sotto un treno a Treviglio per liberare la moglie che era rimasta impigliata nelle porte con il vestito rimasto e veniva trascinata via dal convoglio. A chiederla ieri è stato il Gruppo EveryOne, che si batte per la difesa dei diritti umani e per la cultura. L’associazione ha inviato la proposta al sindaco e al consiglio comunale di Trezzano Rosa (in provincia di Milano) dove la coppia viveva, e per conoscenza anche al presidente della Repubblica, a quelli di Camera e Senato, al Ministero degli Interni, alla Regione, Provincia e prefettura di Milano. La prima risposta è arrivata da Palazzo Isimbardi. «Proporrò la candidatura di Giacomo Burla - anticipa il presidente Guido Podestà- per l’assegnazione del Premio Isimbardi alla memoria», la massima onorificenza dell’ente: «Il gesto che ha compiuto quest’uomo - afferma - è eroico».