Provincia di Roma, si è dimesso Gasbarra

Il presidente della Provincia lascia in vista di una poltrona in Parlamento. Il centrodestra: "Finisce un incubo"

Roma - Ha scelto la seduta del Consiglio provinciale di Roma che doveva votare, in via definitiva, il piano di indirizzo territoriale per rassegnare le sue dimissioni. "Rimetto il mio mandato e ringrazio tutti voi del Consiglio provinciale, la Giunta e i miei collaboratori per il lavoro svolto in questi anni". Il presidente della Provincia, Enrico Gasbarra, punterà ora a ottenere un posto in Parlamento tra le fila del Partito democratico.

In vista delle elezioni politiche In base all’articolo 29 del testo unico, il presidente provinciale deve concludere il suo mandato in anticipo perché intenzionato a ricoprire un incarico parlamentare in vista delle nuove elezioni politiche. "Ho completato - ha detto Gasbarra - il programma sottoscritto grazie al lavoro di tutti voi". "Finisce un incubo per i comuni della Provincia di Roma", ha commentato il presidente provinciale di An a Roma, Francesco Lollobrigida, accusando Gasbarra di aver organizzato "tante feste e banchetti" senza però "rilanciare il territorio" e "far emergere le potenzialità che gli sono proprie".