La Provincia vende bond per comprare due scuole

Un prestito obbligazionario di 67 milioni di euro, stipulato con un pool internazionale di banche, consentirà alla Provincia di contare su nuove risorse finanziarie, da impiegare nell’acquisto di due immobili destinati a ospitare la futura Accademia della Marina Mercantile e l'Istituto alberghiero attualmente a Camogli. L'operazione è stata illustrata ieri dal presidente della Provincia Alessandro Repetto insieme ai vertici delle banche che sottoscrivono il prestito: Carige, Deutsche Bank e gruppo Ixis. «Di fronte ai diminuiti finanziamenti da parte del governo e non avendo autonomia impositiva - ha spiegato fra l’altro Repetto - abbiamo studiato un’operazione finanziaria che ci consente di avere da subito a disposizione 3 milioni di euro». La «dinamica» dell’intervento consiste, in sostanza, nella trasformazione di 14 mutui che la Provincia aveva con la Banca Carige in un unico prestito obbligazionario di 67 milioni di euro, con scadenza 2018, con conseguente risparmio negli interessi e riduzione dei tassi (attorno all'1%) che consentiranno una liquidità di cassa di oltre un milione di euro all'anno e il risparmio di 3 milioni di euro. «Con queste nuove risorse - ha aggiunto Repetto - provvederemo all'acquisto di un immobile in Albaro dove troverà sede la futura Accademia della Marina Mercantile, e l'acquisto di un secondo immobile a Recco per ospitare l'Istituto alberghiero di Camogli». Nella cittadina del levante nascerà, grazie ad una sinergia con gli operatori della ristorazione, un vero e proprio centro di eccellenza del turismo. «Le obbligazioni verranno collocate sul mercato internazionale - ha commentato il presidente di Carige Giovanni Berneschi -. Questa è l'Europa che si muove».