Dalla Provincia una vendetta fuori dal Comune

La Provincia s’è impadronita della Serravalle pagando le azioni, a quanto pare, tre volte il valore iniziale. Ne è nata una polemica col Comune, al quale la Provincia ha replicato escludendo da un piano di opere per mezzo miliardo di euro Cascina Gobba e Molino Dorino, territorio del Comune ovviamente. Una piccola vendetta, si direbbe, di Penati, uomo Ds, contro Albertini, espressione della moderata borghesia ambrosiana. C’è un punto di questa storia che va obiettivamente annotato: Penati, così sembra, vuol fare della Serravalle un business miliardario, essendo la società di Assago il terzo gestore autostradale in Italia. Una domanda: ma è proprio giusto che un’amministrazione pubblica scenda in affari come un privato?
***
Dove finirà il cavallo di bronzo, riproduzione del progetto di Leonardo, donato a Milano da un miliardario americano? Certamente il posto giusto non è l’ippodromo, dove, si direbbe, l’opera è stata confinata. C’è chi lo vorrebbe a Malpensa, chi alla nuova Fiera, chi sul piazzale della Stazione Centrale. Se toccasse a noi decidere, sceglieremmo il piazzale davanti al Castello Sforzesco, luogo storicamente naturale per un’opera leonardesca. Ma toglierla dal confino in cui è stata relegata va comunque bene.
***
Ai milanesi spetta dunque un altro primato: pagano le più alte tasse agli enti locali. Ogni cittadino ambrosiano - così risulta da un’indagine - versa a Comune, Provincia e Regione 1969 euro l’anno. Nulla da eccepire: è giusto che i milanesi provvedano alle spese per la manutenzione del loro territorio. Un solo quesito: le amministrazioni che incassano i tributi ne tengono conto compiutamente?

***
Va segnalato l’assessore comunale al Bilancio, il professor Talamona, che, appurato il disagio occorso a molti cittadini costretti a lunghe file per pagare i tributi in giorni di afa insopportabile, ha personalmente chiesto scusa. «I contribuenti - ha detto - meriterebbero un trattamento migliore». Uomini così andrebbero conservati con cura.

***
Ad un altro assessore comunale, quello ai Trasporti, vogliamo esprimere solidarietà. È il professor Giorgio Goggi, oggetto troppo spesso di attacchi anche dall’interno della maggioranza. Quest’uomo è un vero esperto di problemi della mobilità, che insegna al Politecnico. Quando se ne andrà, i primi a rimpiangerlo - ci scommettiamo - saranno coloro che oggi lo avversano.