In Provincia An vuole il presidente

La richiesta di An, più o meno pretattica, è il presidente della Provincia, cioè il candidato della Cdl che nel 2009 sfiderà il diessino Filippo Penati nella corsa a Palazzo Isimbardi. Ignazio La Russa ha dato un’occhiata ai numeri del partito in Lombardia e ha pensato che così non va: «Zero sindaci di An eletti in questa tornata, zero sindaci di An nei Comuni capoluogo, zero presidenti di Provincia». Se gli si fa presente che Forza Italia e Lega hanno un peso elettorale molto più cospicuo, non si arrende: «Abbiamo meno voti anche perché non abbiamo candidati. Ci manca l’effetto trascinamento». Il messaggio allegato è simile: il partito unitario nazionale della Cdl deve prima passare per la Lombardia.
Se si passa ai nomi, viene subito in mente il vicesindaco, Riccardo De Corato. La Russa lo esclude: «La volta scorsa glielo abbiamo proposto ma si è detto indisponibile. In ogni caso diamo agli alleati la possibilità di scegliere: noi mettiamo a disposizione tutta la classe dirigente di An, inclusi i parlamentari». In cima alla lista Massimo Corsaro e Piergianni Prosperini. Alternative possibili? Solo una, ragiona La Russa. E cioè la provincia di Brescia (magari per Viviana Beccalossi).