Provincia, wifi gratuito in tre scuole del milanese

Entro la fine dell'anno tre istituti del milanese l'Itis Stanislao Cannizzaro di Rho, Istituto Nicola Moreschi di Milano e il Bramante di Magenta, saranno dotati di collegamento wifi. Questo il progetto pilota di Palazzo Isimbardi che punta a collegare tutte le scuole del territorio entro il 2015.

Tre scuole finiscono in rete. Entro la fine dell'anno tre istituti del milanese l'Itis Stanislao Cannizzaro di Rho, Istituto Nicola Moreschi di Milano, e Istituto Bramante di Magenta, saranno dotati di collegamento wifi. Questo il progetto pilota della Provincia di Milano che punta a collegare tutte le scuole del territorio entro il 2015.
Progetto che va ad aggiungersi alla rete già creata da palazzo Isimbardi per le sue sedi istituzionali: al momento, infatti, è possibile connettersi ad Internet gratuitamente sino a 100 metri dalle sedi dell'amministrazione di Palazzo Isimbardi (via Vivaio 1), di Spazio Oberdan (viale Vittorio Veneto 1), di via Principe Eugenio 53, di via Corridoni 16, di piazza Castello 1 e dell'Idroscalo. Un'iniziativa che è stata moto apprezzata da milanesi e turisti, a giudicare dai numeri: dallo scorso marzo a oggi, sono risultati poco meno di 20.000 i cittadini che, tramite Pc o dispositivi di telefonia mobile, si sono connessi gratuitamente a Internet usufruendo del sistema. Ma la provincia non si accontenta e punta ad attivare, il collegamento wifi delle quasi 200 scuole superiori del Milanese gestite dall'ente. Tale intervento permetterà, dunque, agli studenti e ai docenti di sperimentare tecniche di e-learning innovative nel panorama didattico italiano. Al momento, il progetto pilota, prevede di collegare, entro la fine dell'anno l'Itis Cannizzaro, Istituto Moreschi e il Bramante di Magenta. Grazie a questo sistema di connessione la Provincia, inoltre, estenderà, entro il 2015 e a partire dal «Corridoio di Expo», il servizio a tutti i Comuni del Milanese.
L'obiettivo è dotare i luoghi pubblici, come le sedi delle amministrazioni, le biblioteche, i parchi e altri luoghi di aggregazione, di connessioni gratuite e libere per tutti i cittadini. I primi Comuni a entrere nella rete saranno, sempre entro la fine dell'anno, Arluno, Cornaredo, Cusago, Lainate, Pero, Pogliano, Pregnate, Rho, Settimo Milanese, Vanzago.
«Il gradimento già riservato dagli utenti al servizio dimostra quanto l'accesso gratuito a Internet costituisca una tappa importante per la modernizzazione del territorio capace anche di divenire, una volta completato il progetto, volano per l'economia del Milanese - il commento del presidente della Provincia di Milano, Guido Podestà -. La diffusione del wi-fi rappresenta, del resto, un importante step verso la realizzazione di una smart city. Ovvero, di un'"area metropolitana intelligente". Per questa ragione, dobbiamo valorizzare il ruolo di deterrente alle crisi economiche globali ricoperto dalla Rete. L'Ente intende assolvere questo impegno attraverso una pianificazione che punta a Expo».