LO PSICHIATRA 4 RAFFAELE MORELLI

Professor Raffaele Morelli, lei che è un’autorità in fatto di analisi del comportamento umano, sia sincero: ma Formigoni è uscito pazzo?
«Pazzo? E perché?».
Beh, l’ha vista la camicia di Formigoni due sere fa ad «Annozero»?
«No, non guardo mai “Annozero”. Santoro proprio non lo sopporto...».
Ma questa volta il problema non è Santoro coi capelli tinti, bensì il look - diciamo così - un po’ troppo stravagante del presidente della Regione Lombardia.
«Sa cosa diceva Bertrand Russell?».
Piuttosto vagamente...
«Che, in una vera democrazia, tra le varie libertà fondamentali dell’uomo, dovrebbe essere contemplata anche la libertà all’eccentricità».
E diciamo pure che, negli ultimi tempi, di quest’ultima «libertà» il governatore lombardo ha ampiamente goduto tra giacche arancione, pantaloni verde pastello, camicie multicolor, maglioni psichedelici e cravatte optical.
«Questo vuol dire che Formigoni sta riattivando l’area della giovinezza».
«L’area della giovinezza»? A 64 anni suonati?
«Guardi che “l’area della giovinezza” che risiede nel nostro cervello non invecchia mai, anzi è sempre pronta per essere rimessa in funzione».
Vabbè, ma cosa c’entra questo con il guardaroba new dada di Formigoni?
«C’entra eccome, il gioco dei colori nella scelta dell’abbigliamento è lo specchio di uno stato d’animo interiore».
E quale sarebbe, alla luce della camicia fru-fru sfoggiata nello studio di Santoro, lo stato d’animo del presidente?
«Si direbbe lo stato d’animo di un uomo felice, sereno, che guarda avanti con voglia di rinnovarsi. E, soprattutto, carico di eros».
Formigoni, «carico di eros»?
«Eros non significa solo energia sessuale, ma anche passione per la vita in tutte le sue manifestazioni».
Ah, così è già più credibile...
«Un atteggiamento, questo del desiderio di novità, che in un uomo politico diventa ancora più apprezzabile».
Allora, abbasso i vestiti grigi e viva il lifting...
«No, al lifting sono contrario. Trasformare il proprio volto significa rinnegare se stessi».
Verissimo. Ma anche con l’abbigliamento - a una certa età - non sarebbe meglio darsi una regolata?
«L’importante è che un settantenne (ma ovviamente il discorso vale anche per le donne) non si vesta come un teenager».
In questo caso cosa si rischia?
«Di diventare una caricatura».
Al pari di quei vecchietti che si innamorano delle ragazzine...
«Non sono d’accordo. Innamorarsi è sempre positivo. A qualsiasi età. Quel turbine di passioni che scatena una nuova relazione rappresenta il miglior ricostituente naturale».
E, in caso di bisogno, c’è sempre l’aiutino del Viagra...
«Perché no? Ma con giudizio...».