Puglia, caos sanità: Tedesco si autosospende Il gip di Bari archivia l'indagine su Vendola

Il senatore pugliese coinvolto nello <strong><a href="/interni/scandalo_sanita_puglia_retata_pd/25-02-2011/articolo-id=508120-page=0-comments=1">scandalo sulla sanità</a></strong>: &quot;Dichiaro di autosospendermi dal partito e dal gruppo senatoriale del Pd&quot;. Ieri la magistratura aveva chiesto l'arresto alla giunta per le autorizzazioni. Archiviata l'indagine sul presidente della Regione 

Bari - "Dopo aver attentamente valutato la situazione determinatasi a seguito delle iniziative giudiziarie che mi riguardano, e per consentire al mio partito, al mio gruppo, e al Senato tutto di valutare con grande serenità ed equità le circostanze e le richieste che sono state avanzate a mio carico, dichiaro di autosospendermi dal partito e dal gruppo senatoriale del Pd". Lo ha detto il senatore del Pd, Alberto Tedesco, per il quale la magistratura barese ha chiesto ieri l’arresto alla giunta per le autorizzazioni a procedere del Senato.

Archiviato Vendola Il gip del tribunale di Bari Sergio Di Paola ha archiviato, su richiesta della procura, l’indagine a carico del presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola. Questi era indagato, assieme ad altre dieci persone, per presunte pressioni politiche, nel 2008, nei confronti dei direttori generali di alcune Asl pugliesi per indurli a nominare direttori amministrativi e sanitari graditi al governo regionale.