In Puglia D’Alema liquida Vendola, ma Nichi non ci sta: «Basta trucchi»

«La situazione è difficile per via della decisione di Vendola di candidarsi pensando di metterci di fronte al fatto compiuto. Vanno rispettate le alleanze con l’Udc, altrimenti rischiamo di perdere non solo la Regione Puglia ma anche le altre giunte». Ammette l’ennesimo patatrac Massimo D’Alema all’assemblea del Pd pugliese. In ballo c’è la candidatura alla presidenza della Regione in vista delle prossime amministrative di marzo. Il governatore Nichi Vendola, non ci sta e avverte: «Nessuno si faccia illusioni, senza primarie non c’è nessun sortilegio che possa far sparire dalla Puglia la mia candidatura». Intanto il sindaco di Bari Michele Emiliano, l’uomo designato a vincere la battaglia interna al partito, riassume così: «È evidente che l’Udc non può votare il rivoluzionario gentile che governa la Puglia. Se facesse un altro nome possibile, in cinque minuti la questione sarebbe risolta».