In Puglia e Basilicata sorpresa svizzera Terzo l’azzurro Zanini

da Milano

Lo svizzero Martin Rominger (274 - 68 69 71 66) ha vinto a sorpresa l’International Tessali Metaponto Open di Puglia e Basilicata, il torneo più importante nella lunga stagione dell'Alps Tour disputato sui due percorsi del Resort Riva dei Tessali e Metaponto e che ha distribuito il montepremi più alto: 65.000 euro dei quali 10.250 sono andati al vincitore. Rominger ha sorpreso il ventiduenne francese Julien Grillon, secondo con 275 (69 67 68 71), e il ligure Andrea Zanini, terzo con 278 (70 71 65 72). Ottima la prova complessiva dei giocatori italiani con altre cinque presenze tra i «top ten»: il veneto Giorgio Grillo ha recuperato, dopo la defaillance del terzo turno, salendo al quinto posto con 280, grazie a un 70 di giornata, e ha condiviso la posizione con l'emergente francese Victor Riu. All'ottavo il romano Gianluca Pietrobono, un po' alterno ma alla fine efficace con il suo 282, e al nono l'altro romano Marco Bernardini, il laziale di Anagni Emmanuele Lattanzi e il lombardo Gregory Molteni.
Il ventottenne Rominger, professionista dal 2005, gioca nell'Asian Tour, ma quando può cerca di ritornare nel vecchio continente. «Francamente - ha detto - ieri il recupero mi sembrava problematico, poi anche la partenza non è stata incoraggiante. Dopo la buca nove ha iniziato a crederci. Ho avuto dalla mia il putter, perché ho messo a segno colpi difficili e importanti sul green. Mi sono trovato a mio agio sul percorso di Riva dei Tessali, dove occorre giocare di precisione e dove un po' di vento ha complicato le cose, specie nei fairway che passano nella pineta. Ora tornerò a giocare nell'Asian Tour, ma voglio fare altre esperienze nell'Alps Tour».
Il nostro Alessandro Tadini, invece, ha ottenuto un brillante terzo posto ha ottenuto un brillante terzo posto nell’AGF-Allianz Open Cotes d’Armour Bretagne (Challenge Tour), disputato sul percorso del Golf Blue Green de Plèneuf Val Andrè, in Francia (278 - 72 68 68 70). Il torneo è stato vinto dallo svedese Joakim Haeggman (275 - 66 74 67 68), al secondo posto l’inglese Marcus Higley (276 - 72 66 71 67). Tadini ha avuto una pessima partenza, perdendo quattro colpi in sei buche, poi però si è gradatamente ripreso e ha recuperato il 70 del par con sei birdie, intervallati da altri due bogey.
Per quanto rigurada il golf femmininle, la svedese Annika Sorenstam ha vinto con 275 colpi (68 67 70 70) la Stanford International Pro-Am (LPGA Tour), che si è svolta sui due percorsi del Fairmont Turnberry Isle Resort & Club ad Aventura in Florida. Seconda la statunitense Paula Creamer.