Pugnala una bebè per rubarle la catenina d’oro

Orrore per le vie di Manhattan, a New York: una bimba di dieci mesi è stata accoltellata nella sua carrozzina da un uomo malato di mente che voleva rapinarla. L’ha colpita con un coltello per strapparle dal collo una collanina d’oro. È successo a Washington Height, un quartiere sulla punta nord dell’isola. L’aggressione è avvenuta a metà pomeriggio davanti alla baby sitter che spingeva la carrozzina e che ha cercato di lottare contro l’assalitore. Tutto inutile: pur di impossessarsi del suo misero bottino il folle bandito non ha esitato a pugnalare la piccola. Isabelle Avins, questo il nome della bebè, è stata colpita all’addome. Trasportata in braccio dalla baby sitter nel più vicino ospedale, è stata operata e ricoverata nel reparto di rianimazione. «È successo tutto così in fretta, non saprei dire se quel pazzo ha preso la collana o no», ha raccontato Hennessy Arias, una passante che si trovava a pochi metri dal bandito. L’aggressore, Bernard Derr, di 48 anni, è stato poco dopo bloccato dalla polizia e arrestato. Non ha avuto problemi a confessare. Poco lontano dal luogo del ferimento la polizia ha trovato l’arma, un coltello da cucina con una lama di dieci centimetri.