La "pulce" Lionel Messi stravince il Pallone d'oro

Il fantasista argentino del Barcellona, dato per favorito alla vigilia, ha superato di
240 punti il secondo classificato, il portoghese Cristiano Ronaldo, vincendo il titolo per la seconda volta consecutiva

Parigi - Il Pallone d'oro 2009 è stato assegnato a Lionel Messi del Barcellona. Lo ha reso noto il sito di France Football, la rivista francese che ha creato il premio nel 1956. Il fantasista argentino, dato per favorito alla vigilia, ha superato di 240 punti il secondo classificato, il portoghese Cristiano Ronaldo, Pallone d'Oro 2008.

Una vittoria da star Lionel Messi, stella del Barcellona e della nazionale argentina, ha stravinto il prestigioso Pallone d’Oro, il premio individuale creato nel 1956 dalla rivista France Football. Un plebiscito lo ha incoronato giocatore d’Europa: con 473 voti (su 480 possibili), Messi (nato a Rosario il 24 giugno 1987) ha stracciato la concorrenza. A cominciare da quella di Cristiano Ronaldo (Manchester United, da giugno al Real Madrid), detentore del trofeo, che ha ottenuto 233 preferenze dai 96 giurati di France Football, incassando un distacco record di 240 lunghezze. Un altro ko per il portoghese, dopo quello di domenica, quando i catalani hanno battuto il Real in campionato.

Lo strapotere dei blaugrana Testimonianza dello strapotere blaugrana tra i club del vecchio continente, dietro Ronaldo altri due giocatori del Barcellona (capace di vincere Champions, Liga e Coppa di Spagna nella stagione 2008-’09), più un terzo che lo è stato fino a pochi mesi fa: i centrocampisti spagnoli Xavi (170 punti) e Iniesta (149), oltre all’attaccante camerunese Samuel Etòo (5/o, 75 voti), passato all’Inter la scorsa estate. Sesto e settimo due conoscenze del campionato italiano, ormai però migrate in Spagna: Kakà (Milan e Real Madrid, 58) e Zlatan Ibrahimovic (Inter e Barcellona, 50). Per ritrovare un altro giocatore di un club tricolore bisogna scorrere la lista fino alla 21/a posizione, che il portiere brasiliano dell’Inter Julio Cesar condivide con il russo dell’Arsenal Andrei Archavine e con Frank Lampard del Chelsea, tutti a 5 punti.

Messi la "pulce" Messi, 169 centimetri di classe purissima (soprannominato "la Pulce", nessuno come lui si avvicina nell’immaginario a Diego Armando Maradona), diventa il primo argentino a vincere il Pallone d’Oro grazie all’eccezionale apporto ai successi del Barcellona. Finte, dribbling, accelerazioni brucianti ed uno spiccatissimo senso del gol (memorabile il suo gol di testa tra i giganti avversari, nell’ultima finale di Champions vinta 2-0 a Roma contro il Manchester United) sono gli ingredienti di un football spettacolare che lo ha laureato anche capocannoniere del torneo con 9 centri. Oltre ai 23 realizzati nella Liga 2008-’09, dove quest’anno è andato a segno giù sette volte.

Un'età da record A 22 anni è il terzo più giovane vincitore del Pallone d’Oro (dopo Ronaldo e Owen) e corona una progressione inarrestabile: ventesimo nel 2006, terzo nel 2007 e secondo nel 2008. Da piccolo ha sofferto di problemi ormonali che le modeste condizioni della famiglia non permisero di curare adeguatamente. Ma grazie alla classe immensa Messi ha saputo trasformare un handicap nel suo punto di forza. Per la consacrazione mondiale ora deve vincere con la maglia dell’Argentina. Il ct Maradona ci spera. Intanto lo aspetta il Mondiale per club (9-19 dicembre). Obiettivo: vincere la sesta coppa dell’anno sulle sei disputate.