Pulizia delle strade, l'Amsa estende il servizio salva-sosta Lavaggio anti smog

Dalla prossima settimane aumentano le strade che verranno pulite senza far spostare le auto. Entro la fine del 2010 l’86% delle strade sarà pulito grazie allo spazzamento globale, restituendo alla sosta libera ben 340.000 posti auto. Sperimentazione del lavaggio delle vie in funzione anti-smog

Nuovo balzo in avanti a Milano del sistema di spazzamento globale che consente la pulizia delle strade e dei marciapiedi senza costringere i residenti a spostare l’auto. A partire dalla prossima settimana Amsa, la società milanese della nettezza urbana, estenderà questo servizio su altri 135 km di carreggiate sollevando 20 mila famiglie dal rischio di una multa per divieto di sosta. «Il Comune ha chiesto ad Amsa un grande sforzo per evitare ai milanesi il disagio di dover spostare l’auto la sera prima del lavaggio strade - ha affermato l’assessore all’Ambiente Paolo Massari - e Amsa ha risposto positivamente: entro la fine del 2010 l’86% delle strade sarà pulito grazie allo spazzamento globale, con l’effetto di riconsegnare alla sosta libera ben 340.000 posti auto».

Quello dello spazzamento globale è un sistema brevettato dalla stessa Amsa ed è stato introdotto a Milano nel 2006: alla fine dell’anno l’azienda si è impegnata ad arrivare a 2.450 km di strade pulite con il nuovo servizio. «Amsa è ogni giorno più vicina ai cittadini - ha affermato il presidente Sergio Galimberti - ma i milanesi devono impegnarsi in prima persona per mantenere la città pulita».

A partire da marzo il Comune lancerà la sperimentazione del lavaggio delle strade anche come misura antismog, visto che l’acqua potrebbe trattenere le polveri sottili nel manto della carreggiata impedendone la dispersione nell’aria. Il progetto durerà per un mese e riguarderà le grandi arterie che da fuori Milano convergono in piazzale Loreto, dove tutte le notti le autobotti di Amsa bagneranno la strade. Al termine della sperimentazione dell’iniziativa, proposta nei giorni scorsi dalla Provincia di Milano, i risultati saranno sottoposti all’esame scientifico dell’Assessorato e di Arpa. «Contro lo smog noi puntiamo come sempre sulle misure strutturali - ha spiegato l’assessore all’Ambiente Paolo Massari - ma siamo aperti anche a sperimentare nuovi provvedimenti, come il lavaggio delle strade. Partiremo a marzo, quando non ci sarà più il rischio di gelate».