Il pulmino che scarrozza campioni di ieri e domani

La vita di un pulmino, che strana la vita di un pulmino.
Il protagonista è lui, un Fiat Ducato, importante mezzo 9 posti, che fino a ieri trasportava atleti in calottina della riviera di ponente (essì anche qualche scudettato) e da oggi si appresta a portare non più in azzurre acque clorate forti campioni, ma verso campi in erba giovani atleti del FoceVara.
Che curioso, chi scrive ha diviso la sua passione giovanile per lo sport tra pallanuoto e calcio, e la sua vita lavorativa tra ponente, sì proprio vicino quei posti da dove viene il pulmino, e La Spezia. Corsi e ricorsi, ma lasciamo stare G. B.Vico.
Lui,il pulmino donato in nome dello sport dal caro Maurizio Del Becchi di Savona, uno che ama la pallanuoto e il pallone oltre che a essere sensibile alla voce dell'amicizia, giunge in seconda vita e un po' affaticato a scarozzare ancor più giovani e entusiati atleti. Me lo vedo, o meglio immagino sornione e un poco affaticato augurarsi di scarozzare, come ha già fatto in precedenza futuri campioni. Che bello eh?
Lo ha capito pure lui che in questo Paese tutto avviene sempre tra privati e in nome dei rapporti, il tutto sempre mosso dalla simpatia o dall'amicizia.
Certo che se i nostri giovani per crescere o per rendere la vita dei loro genitori un poco meno complicata aspettassero le istituzioni, potrebbero pure rassegnarsi a morire obesi.
da www.focevara.it