Il punto Ma la supplenza è finita

Intervistato di recente dal Giornale, Antonio Ricci, padre del Gabibbo e quindi, a cascata, anche di tutti quei «reporter» che dal Gabibbo hanno attinto il gusto dell’inchiesta scanzonata, ha detto che sì, c’è stato un tempo in cui tanti scrivevano che le vere inchieste le portava avanti solo quel pupazzone vestito di rosso, ma che ora, «da una decina d’anni, per fortuna, le fanno anche tanti altri». Milena Gabanelli, Giovanni Floris, Il Giornale e molti altri giornalisti della tv e della stampa. La «supplenza» dei reporter un po’ goliardi, delle iene scatenate, dei pirati delle news, fa bene a tutta la categoria. Fa da pungolo, la concorrenza serve a migliorare complessivamente un servizio senza star lì a cavillare su chi è iscritto all’albo professionale e chi no. E dunque tutti ce ne gioviamo. E tutti sappiamo che i mestieri sono comunque diversi.