Il punto di vista della rete Il nuovo iPhone in 5 punti

iPhoneItalia.com, uno dei blog più aggiornati in rete sul gioiellino di casa Apple, ci presenta in 5 punti le novità principali dell'iPhone 3G rispetto al suo predecessore, approfondimenti tecnici e le prime recensioni della stampa estera

iPhoneItalia.com, uno dei blog più aggiornati in rete sul nuovo gioiellino di casa Apple, ci presenta in 5 punti le novità principali dell'iPhone 3G rispetto al vecchio modello

UMTS/3G e velocità di connessione L'iPhone 3G è dotato di un'antenna UMTS/HSDPA (850, 1900, 2100MHz). Rispetto alla connessione EDGE presente sul precedente iPhone (2G), la velocità di caricamento di una pagina web è circa 2,4 volte più veloce: ad esempio il sito 'lonelyplanet.com' viene caricato in 48 secondi con l'iPhone in EDGE e in 20 secondi in UMTS. Sono stati fatti dei confronti anche con altri modelli di cellulari dotati di antenna UMTS/HSDPA: la stessa pagina web si carica in 20 secondi con l'iPhone, in 33 secondi con il Nokia N95 e in 34 secondi con un Blackberry. Se una zona non ha copertura 3G, allora l'iPhone si collega automaticamente in EDGE, pur sempre con la possibilità di collegarsi in Wi-Fi (802.11b/g), se ci si trova in un luogo coperto da hot-spot pubblici o da reti private.

Novità sul piano estetico Il nuovo iPhone, leggermente più spesso e più leggero rispetto al precedente, ha le seguenti misure: Altezza: 115,5 mm - Larghezza: 62,1 mm - Profondità: 12,3 mm - Peso 133 grammi. La scocca è leggermente ricurva sul lato posteriore, garantendo quindi una presa più confortevole, e presenta il jack per gli auricolari a filo con il margine superiore: un piccolo ritocco di stile, invocato a gran voce dagli utenti dell'iPhone 2G. Esteticamente l'iPhone 3G differisce rispetto al precedente modello anche per la scelta di utilizzare la plastica, e non l'alluminio, nella parte posteriore della cover, sia per risparmiare sensibilmente sui materiali e sa per aumentare la ricezione dell'iPhone, che era fortemente penalizzata dall'alluminio. Sarà possibile scegliere tra due colori: il nero (sia per l'iPhone da8 GB che per l'iPhone da 16 GB) e il bianco (disponibile solo per l'iPhone da 16 GB).

Applicazioni e App Store Grazie all'esperienza con la versione 2G di iPhone, che ha permesso il proliferare di una miriade di utilities non ufficiali di terze parti, Apple ha deciso di migliorare il suo telefono incentivando la realizzazione di applicazioni per iPhone, da parte di sviluppatori esterni. Questa si è rivelata, nel corso del 2008, la novità più attesa e discussa, tanto da creare una serie di aspettative che Apple difficilmente potrà deludere. Infatti tramite il Software Development Kit (meglio conosciuto come SDK) è possibile realizzare applicazioni native e distribuirle, previa approvazione di Apple, tramite il nuovo servizio App Store. Le applicazioni potranno essere gratuite o a pagamento, a discrezione dello sviluppatore e funzioneranno su tutti gli iPhone (sia 2G che 3G) aggiornati al nuovo firmware 2.0. Sarà possibile scaricarle direttamente dall'iPhone tramite un'apposita procedura di dowload, oppure tramite iTunes per poi caricarle successivamente su iPhone tramite la sincronizzazione con un Mac o un PC. Il punto di forza delle applicazione è la possibilità di sfruttare la tecnologia presente sull'iPhone, tra cui l'accelerometro e il GPS. Grandi software-house stanno realizzando centinaia di applicazioni (utilities e giochi) per questo dispositivo. Tra queste anche la nota casa di videogiochi Electronic Arts.

Batteria e autonomia Stando alle prime recensioni comparse sulla stampa statunitense in questi giorni (New York Times, USA Today e Wall Street Journal), la batteria (agli ioni di Litio, ricaricabile tramite USB e adattatore) non sembra aver beneficiato dei miglioramenti a lungo invocati dagli utenti e infine promessi da Apple. In chiamata la versione 3G dura circa 5 ore, 3 ore in meno rispetto alla versione precedente. Per quanto riguarda la connessione UMTS è stata rilevata una durata di circa 6 ore, più di quanto dichiarato dalla stessa Apple. La durata della batteria si può comunque ottimizzare intervendo sula luminosità dello schermo e disattivando alcuni serviszi come il Wi-Fi e il Bluetooth. Stando sempre alle prime indiscrezioni sembra che anche in questa versione la batteria non sia removibile e pertanto l'eventuale sostituzione deve essere fatta da personale autorizzato.

Ecco quanto dichiara in merito Apple:
- Durata conversazione: fino a 5h in modalità 3G e fino a 10h in modalità 2G;
- Durata in Stand-by: fino a 300h;
- Utilizzo di Internet: fino a 5h tramite 3G e fino a 6h tramite WiFi
- Riproduzione video: fino a 7h;
- Riproduzione audio: fino a 24h

GPS Nella versione 3G di iPhone è stato incorporato il GPS che permette di localizzare la propria posizione sfruttando le potenzialità di Google Maps e di cercare attività commerciali e punti di interesse situati nelle vicinanze. Al momento questa tecnologia è però fortemente limitata: non permette di utilizzare iPhone 3G come un vero e proprio navigatore satellitare, in quanto non è ancora disponibile il software necessario affinchè il device fornisca le indicazioni stradali (display e audio) in tempo reale. TomTom si era resa disponibile alla realizzazzione di tale software, ma per il momento Apple non ha dato alcuna conferma in merito a questa possibile collaborazione.

iPhoneItalia.com (www.iphoneitalia.com)