Dal pupo all’ultra centenario

Alle politiche si erano dovuti attaccare al carretto. Siciliano, ovviamente. A Siracusa, invece, la lista «Io non voto i soliti pupi e pupari» ha raccolto le firme sufficienti a presentarsi alle elezioni comunali. Il candidato sindaco è Salvatore Carcò, che guida un’armata composta da impiegati, operai, un transessuale, un sordomuto, un trapiantato di rene e due portatori sani di talento letterario: l’ultracentenario Gaetano De Franchis, cugino dello scrittore Elio Vittorini, e l’attore Alessandro Quasimodo, figlio del poeta premio Nobel Salvatore. Insomma, stando agli antenati, la lista si presenta come la più dotta del Paese. Saranno i siracusani a dire se la lista avrà fatto la cosa giusta presentandosi. O se tra pupi e pupari avrà fatto una cassata.