Pur di sabotare l’avversario il sindaco Pd lascia l’Anci

Cosa si farebbe a sinistra pur di fare lo sgambetto all’avversario. A Fiumicello di Udine, 5mila abitanti nella Bassa friulana, l’amministrazione di maggioranza Pd è ricorsa a una trovata inedita. Pur di far decadere l’ex compagno di partito Paolo Dean dalle cariche di vicepresidente regionale e di consigliere nazionale Anci, la giunta ha varato una delibera con cui tira fuori Fiumicello dall’associazione dei Comuni italiani, revocandone l’iscrizione a mezzo raccomandata. Dean si sente vittima di una «congiura», lui che è stato primo cittadino per 10 anni. «La mia unica colpa è di aver fondato una lista civica alle ultime elezioni. Assurdo, il sindaco Scridel mette agli atti che per continuare a rappresentare l’Anci dovrei essere gradito alla sua persona». Dispetti (poco) democratici.