Pure Camilleri in politica Nella "sua" Vigata sarà assessore in quota Udc

Il "papà" di Montalbano ha accettato di fare l'assessore alla Cultura di Porto
Empedocle. A indicarlo il sindaco uscente Firetto, ricandidato alla guida della
cittadina

Agrigento - Andrea Camilleri si butta in politica. Il "papà" del commissario Salvo Montalbano ha accettato di fare l'assessore alla Cultura del comune di Porto Empedocle (in provincia di Agrigento). A proporlo come assessore è stato il candidato sindaco - e primo cittadino uscente - Calogero Firetto.

La candidatura di Camilleri Firetto, che si ricandida alla guida della cittadina marinara, ha subito pensato al "papà" del commissario più famoso d'Italia per guidare l'assessorato alla Cultura. E lo scrittore ha sbubito accettato. Nella prossima squadra di Firetto vi farà parte anche l’ex ministro della Pubblica istruzione e già presidente dei senatori dell'Udc, Francesco D’Onofrio, professore di Istituzioni di Diritto pubblico all’Università La Sapienza di Roma.