Putin: "I bombardieri tornano a volare"

Annuncio choc di Mosca. Ripristinata una misura da Guerra Fredda, risposta allo scudo spaziale Usa

Mosca - I bombardieri strategici russi "hanno ripreso dalla mezzanotte di oggi i voli a lungo raggio, su base permanente". Lo ha annunciato il presidente russo Vladimir Putin, inserendo un ennesimo tassello nel quadro del braccio di ferro in atto con gli Stati Uniti sullo scudo spaziale e i programmi militari. Putin ha ricordato che i voli erano stati "sospesi unilateralmente" nel 1992, ma "purtroppo non tutti i paesi hanno seguito il nostro esempio".

Bombardieri Da oggi dunque 14 bombardieri a lungo raggio saranno in missione di ricognizione fuori dal proprio spazio aereo, ripristinando una pratica in uso ai tempi dell'Unione sovietica. Putin ha detto che la ripresa delle missioni dei bombardieri a lungo raggio è una risposta diretta alla minaccia rappresentata da altre potenze militari. Quattro bombardieri, ha detto il presidente, appoggiati da aerei di scorta e di rifornimento, sono decollati alla mezzanotte di ieri da vari aeroporti militari russi. Resteranno in aria per venti ore, in contatto con la flotta. "Partiamo dal presupposto che i nostri partner accolgano con comprensione la ripresa dei pattugliamenti. I nostri piloti a mio avviso sono rimasti troppo tempo in panchina. Per loro comincia una nuova vita".

Sgarbo agli Usa All’inizio di agosto, i generali dell’aviazione russa hanno dichiarato che un bombardiere aveva sorvolato le acque vicine all’isola di Guam nell’oceano pacifico, dove l’esercito statunitense ha una base militare, obbligando aerei statunitensi ad alzarsi in volo per rintracciarlo. Il Pentagono ha detto che l’aereo russo non si è avvicinato abbastanza da richiedere una risposta militare da parte della aviazione Usa. Alcuni esperti, però, vedono nella ripresa delle missioni dei bombardieri di Mosca, che negli anni 90 erano state ampiamente ridotte a causa delle ristrettezze finanziarie in cui versavano le casse dello stato, un segno del crescente atteggiamento assertivo della Russia.