In un quadro negativo il «future» si ferma sul supporto a 27.800

La situazione per gli indici è estremamente vulnerabile e l’S&P-Mib future chiude a quota 28.125. L'eventuale perdita del livello 27.800, potrebbe riportare il mercato in direzione del primo target 26.200. Il movimento in range che ha caratterizzato queste ultime settimane tra 30mila e 28mila sembra lentamente perdere appeal. La crisi del settore finanziario legato ai mutui subprime è la causa della debolezza dei mercati, ed il momento economico come afferma Ben Bernanke continua ad essere difficile. Sotto il profilo macroeconomico non mancano le sorprese positive come il dato dell'indice Zew in miglioramento a -55,5 punti. Un eventuale recupero del livello 29.300 sarebbe decisamente un segnale positivo nel breve periodo anche se l' impostazione grafica di lungo periodo propende ancora per un'evoluzione negativa.
Il mercato infatti in ottica più ampia è ancora all'interno di un canale ribbassista che verrebbe abbandonato solo con il superamento del livello 31.500. Il consiglio è sempre per un atteggiamento estremamente prudente vista la volatilità del mercato, privilegiando ancora la liquidità.