«Qual è il valore dell’istituto?»

Il quotidiano finanziario Financial Times, nella sua tradizionale rubrica lex column, ieri è tornato sul tema del controllo di Bankitalia. Per ragioni storiche, ricorda Ft, «l’85% di Bankitalia è detenuto da 63 banche italiane, quelle stesse che l’Istituto dovrebbe controllare. Il governo è deciso ad eliminare questo conflitto di interessi chiedendo alle banche di vendere le loro quote allo Stato». Difficile però valutare il reale valore dell’istituto centrale, anche perché, ricorda l’autorevole giornale «riserve e utili sono distribuiti come dividendo, per una media di 44 milioni di euro negli ultimi 5 anni, e un generoso payout ratio dell’87%». Da qui scaturirebbe una valutazione di 3,6 miliardi di euro, come stima Goldman Sachs. Un prezzo che potrebbe produrre una plusvalenza di 300-500 milioni di euro per Banca Intesa, SanPaolo e Unicredit.