Le qualifiche a eliminazione

Sabato sarà dura per lo spettatore capire che cosa succede in qualifica ma, assicurano gli uomini della Fia, diventerà tutto più emozionante ed avvincente. A conforto del pubblico, basti sapere che sarà dura districarsi anche per i piloti, molti dei quali lo hanno ammesso anche di recente, persino dopo le simulazioni. Oltre alle nuove qualifiche, tra le novità spiccano il motore 8 cilindri e il ritorno al cambio di gomme. Ecco le novità:
NUMERO DI VETTURE
Sono salite a 22 con l’iscrizione della Super Aguri motorizzata Honda
QUALIFICHE
Alle 14 del sabato inizia la prima sessione di 15 minuti; i sei piloti più lenti restano esclusi e andranno ad occupare le posizioni dalla 17ª alla 22ª sullo schieramento al via;
Alle 14,20 un’altra sessione sempre di 15 minuti, con altri sei esclusi che sulla griglia occuperanno dalla 16ª posizione all’11ª;
Alle 14,40, i restanti 10 piloti avranno una sessione di 20 minuti in cui si giocheranno i posti dalla pole alla 10ª posizione. Solo in questi ultimi 20 minuti si possono cambiare le gomme, non gli assetti, e la benzina caricata è quella per la gara. Le prime due sessioni si svolgono invece con il minimo di carburante.
MOTORI
Sono a 8 cilindri da 2400 cc. Solo la Toro Rosso (ex Minardi) userà ancora i propulsori V10 3000 cc ridotti però nel regime di rotazione. Il motore deve sempre durare per due fine settimana di gara.
GOMME
Sono 7 i treni di gomme a disposizione sull’asciutto. Si torna al passato: in gara, in qualsiasi momento, si potranno cambiare le gomme.