Quando gli abruzzesi «colonizzavano» Roma

Oggi una manifestazione per ricordare un’emigrazione che ha cambiato la capitale

Gli abruzzesi sono una presenza importante di Roma, al punto da aver colonizzato interi quartieri della città come il Prenestino-Labicano. Per ricostruire l’emigrazione dalla Marsica alla capitale oggi alle ore 17 a Cappadocia, al Teatro San Luca in piazza San Luca Evangelista, si svolgerà la manifestazione «Cappadocia-Roma, storia di una emigrazione». Aprirà la manifestazione il Coro Luigi Venturini di Tagliacozzo con uno spettacolo di canti e danze popolari. Verranno proiettate immagini e foto d’epoca e verrà presentato il libro «Storia di Cappadocia, Petrella, Verrecchie» di Alessandro Fiorillo. A Ettore Ranalletta, presidente dell’associazione Viavai il compito di delineare la storia dell’inserimento degli emigranti nel tessuto sociale del Prenestino-Labicano. Chiuderà la manifestazione, che prevede anche la degustazione di prodotti tipici, la consegna di sette targhe a esponenti della cultura e della politica di Lazio e Abruzzo.