Quando Katrina scatena una fortuna

La vita di Jacquelyn è cambiata in un attimo. Da un momento all’altro da tutto si è ritrovata senza più niente. Senza casa, senza soldi, senza futuro. Spazzati via da Katrina. Non è mai stata una ragazza fortunata Jacquelyn Sherman soprattutto adesso che di anni ne ha 57 e che il suo posto di bibliotecaria di Opelousas, Louisiana, è stato inghiottito dalle acque insieme a tutti i suoi risparmi. Si era rifugiata a casa della sorella quel martedì, tre camerette decorose, dove vivere senza troppe pretese, con il materasso per terra. Aveva avuto appena il tempo di scappare e la sorella era l’ultimo rifugio, per quanto tempo non si sa. Si era lasciata prendere da un po’ di depressione Jacquelyn per questo aveva detto alla sorellona, lascia stare, stamattina vado io a fare la spesa, sennò qui dentro con tutti questi pensieri mi viene male. Sulla strada che va ai grandi magazzini Wal-Mart però c’è qualcosa che una sfollata vicina alla pensione e con pochi spiccioli in tasca non dovrebbe mai nemmeno sfiorare con lo sguardo. Un casinò. «Sono una fanatica del casinò, mi rilassa i nervi - dice con un sorriso strano - mi piace vincere, ma con la fortuna che ho io, figuriamoci...». Jacquelyn ha giocato quattro dollari e venticinque centesimi, tutto quello che aveva in borsa, e ha infilato tutto il malloppo, monetina dopo monetina, nella slot machine. Non ha fatto in tempo a spenderli tutti: la bocca della macchinetta, ormai piena fino all’indigestione, ha sputato, centesimo più centesimo meno, un milione e seicentomila dollari, più di tre miliardi delle vecchie lire. Non sarebbe mai stata lì, in quel posto, proprio in quel preciso momento, se nella sua vita non fosse passata Katrina. E non arrossisce quando confessa che quella fortuna in fondo è tutto merito di una raccomandazione: «Avevo chiesto alla buon’anima di zia di intercedere con il Signore per darmi una mano, ma, cavoli, zia stavolta ha proprio esagerato...». Così la vita di Jacquelyn è cambiata in un attimo. Da un momento all’altro da niente si è ritrovata tutto...