Quando l'antico si sposa col nuovo

Lei, cinta in un bellissimo abito rosso, era pronta per viversi una serata indimenticabile. Ma «something's missing» disse lui e da una scatola spuntò uno di quei collier che tutte le donne vorrebbero indossare almeno una volta nella vita. Sarà la crisi e il futuro incerto, ma le italiane, di tutte le età e ceti sociali, sono tornate ad essere più romantiche che mai. Sognano un lieto fine alla «Pretty Woman» e desiderano gioielli-amuleti che esaltino il loro stile personale e il loro modo di essere. Per questo hanno ritirato fuori dalle casseforti i cimeli di famiglia, da mixare tassativamente con anelli, bracciali, collane e pendenti di nuova generazione. Come, ad esempio, un Filodellavita, nato da un momento di riflessione di Roberto Ricci sulla vita e sulla sua ciclicità, sul misterioso alternarsi di momenti contrapposti che segnano l'esistenza di ciascuno di noi. Così, attorcigliando più volte intorno al dito un filo di metallo, ne esce un anello fatto a mano, in oro rosa o in argento, impreziosito da diamanti o da rubini, oppure semplice nella sua essenzialità, che racchiude in sé il passato e il presente di chi lo indossa. È una rivisitazione in chiave moderna della fede tibetana che veniva regalata alle future spose come segno di buon auspicio.
LeBebé, invece, propone il solitario per chi, donando una vita, ha fatto qualcosa di unico e speciale al mondo. Dunque un amore suggellato da un anello come questo (con diamanti certificati e la possibilità di incidere il nome all'interno) vuole essere indistruttibile, proprio come quel legame che si crea tra una mamma e il suo bambino. Ma un amore eterno può essere anche rappresentato da un serpente, perché il suo cambiare pelle è simbolo di rinnovamento e rinascita che può portare all'immortalità. Da qui gli orecchini di Jack & Co con serpente in zirconi.
Non c'è poi Natale senza charms, da abbinare, per esempio, a una catenina d'oro o a bracciali in argento. Mimì presenta Les Lulu, perle spensierate e piatte, caratterizzate da tanti simbolini d'argento con pavé di topazi, come la coccinella, la luna, la stella o il quadrifoglio.
Infine, se pensate a un regalo etico, Ops Objects lancia Ops! Lux Damier, bracciale creato a sostegno della campagna «Against Women Violence», promossa da Ops Objects Onlus e Fare X Bene Onlus, in collaborazione con il Centro Soccorso Rosa dell'Ospedale San Carlo Borromeo di Milano per combattere la violenza sulle donne e altre forme di abuso. Questa versione black and gold riporta due targhette, la classica del brand e una seconda con una farfalla, logo della campagna, perché il ricavato dalle vendite sosterrà tre diverse aree progettuali, cui corrispondono tre parole chiave: sensibilizzare, assistere e prevenire.