«Quando mi dissero: sua figlia muore»

Per gentile concessione dell’editore pubblichiamo un brano del nuovo libro di Luigi Amicone Le avventure di un padre di famiglia (Vallecchi, 164 pagine, 13 euro; qui in basso la copertina). Si può esser figlio dei primi divorziati italiani, avere come fratelli maggiori i sessantottini, attraversare dietro la barricata di Comunione e liberazione gli anni di piombo. Poi sposarsi, avere dei figli e continuare a lottare. Nonostante le incoerenze e gli errori, si può tentare la difficile impresa di tenere insieme un lui e una lei, senza doversi per forza preoccupare dell’«altro», bensì di crescere unita la numerosa famiglia. Nascono così le avventure di un padre «over size» come Amicone (che ha sei figli), alle prese con una quotidianità fatta non soltanto di bollette e impegni da ricordare ma anche e soprattutto di dialogo, confronto e osservazione di quei sei vorticanti pianeti che gli ruotano attorno: i suoi figli.