Quando Palermo era pericolosa come Oporto

Tecnicamente il passaggio da Mancini a Mourinho è qualcosa che segna la fine di un ciclo e l’apertura di un altro. Ma sotto il profilo della comunicazione, la differenza sarà molto più risicata. Campioni di antipatia e di menefreghismo, i due attirano l’attenzione di chiunque. Ma se Mancini è più istintivo, Mourinho è più pianificatore, calcolatore. Con la stampa, i colleghi e chiunque gli si faccia incontro durante il suo lavoro. Si prende le pressioni esterne, le assorbe per proteggere la squadra, spesso anche per dimostrare la sua forza d’animo. Conosceremo insomma quel tecnico che ha fatto la fortuna dei tabloid inglesi, quando a ogni intervista corrispondeva un titolo forte. E, nell’attesa che ci regali altri frasi epiche, ecco una selezione delle migliori.