Quando il poeta boccia la riforma senza leggerla

«La riforma costituzionale voluta dal centrodestra pone rimedio ai pasticci causati dal centrosinistra nella primavera del 2001. Anche il poeta Edoardo Sanguineti si è unito al coro di mistificazioni, senza aver letto il testo di riforma»: lo ha ribadito il sottosegretario Alberto Gagliardi (Fi) nel corso del convegno organizzato a Tursi sulla nuova Costituzione cui hanno preso parte il capogruppo azzurro in Comune Beppe Costa e il coordinatore metropolitano Roberto Cassinelli.