Quando la politica va in fumetto

Che cos’è un fumetto politico? Quali sono i più importanti? Quali scopi hanno? Chi li disegna? A queste domande tenta di rispondere il saggio Politicomics. Raccontare e fare politica attraverso i fumetti (Tunué, pagg. 153, euro 15,50), del giovane giornalista Federico Vergari. Agile ed equilibrato - ma dichiaratamente non esaustivo - ha il merito di spaziare dalle celebri strisce americane al recente fenomeno della graphic novel di taglio giornalistico o memoriale; dal rapporto della Difesa americana sull’11 Settembre alle sperimentazioni più anarchiche; dal successo di Linus al programma elettorale di Cofferati. A fine lettura rimane la domanda: perché i fumettisti, al di là e al di qua dell’oceano, sono tutti di sinistra?